AGOSTO 2012 – SARDEGNA – CALA GONONE

GROTTA CARTOE : L’ESPLORAZIONE CONTINUA

 

La testimonianza dei nostri valorosi diver!!grotta

 

Proprio così !! Dopo otto mesi dall’ultimo tuffo effettuato lo scorso gennaio, in compagnia dell’amico Alberto Fadda, (quali membri del neo costituto gruppo subacqueo HTT - Hundred Trimix Team ) ci siamo immersi di nuovo nelle acque cristalline di Cala Gonone , per verificare e confermare con i nostri occhi ciò che l’amico tedesco Toddy , titolare del Diving Tecnico “Protec” , aveva già perlustrato durante una immersione dello scorso mese, usando il suo particolarissimo  “doppio Reb”.

 

Ebbene si, abbiamo effettuato due immersioni, portandoci appresso il solito grappolo di bombole e la solita ragnatela di fruste ed erogatori diversamente colorati : un bibo 15+15 contenente miscela di fondo 11/50 e miscela di trasporto 14/30 per coprire la fascia media/profonda dell’immersione; abbiamo aggiunto un mono da 10 litri di aria, - (l’aria, come dice qualcuno, serve solo per gonfiare le gomme, ma a noi può essere comoda per coprire eventuali emergenze fino a considerevoli profondità)- per ulteriore trasporto dalla superficie fino al cappello della cigliata a 50 mt ed in ritorno da 50 mt fino a prendere un mono da 10 litri di ean 40 a 30 mt , concludendo con ossigeno puro a 6 metri .

Le pozioni magiche respirate, sono state fornite da Alberto ed accuratamente preparate dal mitico Fabio Sagheddu del Diving Dimensione Mare di Gonone, usufruendo di una centralina di miscelazione della Barnini , analizzatori professionali e compressore Coltri per gli ultimi rabbocchi.

Leggi tutto: Cala Gonone Agosto 2012

TSA sharkawareness
Grazie al recente accordo stretto tra T.S.A. e Shark Academy, siamo lieti di presentarvi nuovi corsi Istruttore e diver Shark Awareness.

Il corso nasce dalla necessità  di far conoscere al mondo la vera natura degli squali, non quella raccontata dai lungometraggi o per sentito dire ma da chi ci convive da una vita... Grazie agli istruttori Shark Awareness, è possibile far circolare e far arrivare lontano una corretta e puntuale informazione sugli squali per la difesa di tutto l'ecosistema marino, con progetti di ricerca scientifica all'avanguardia e insegnando il rispetto per gli animali che bilanciano la vita sul nostro meraviglioso pianeta.
Il corso è nato non solo per sostenere progetti di comunicazione e conoscenza del mondo degli squali, ma anche per interrompere le uccisioni ingiustificate di tutti i tipi di squali presenti nei mari.

Maurizio e Renato Sama sono i primi Istruttori Shark Awareness T.S.A. per la regione Lombardia ed Emilia Romagna, un caloroso ringraziamento per il loro costante impegno.

Il prossimo corso si terrà  a Ferrara in data 22 aprile 2012.

Per info e chiarimenti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.sharkacademy.com

Un ringraziamento particolare anche a Tomaz Urbancic – T.S.A. Slovenia per la grafica del brevetto.

Prova di Immersione Prolungata 30 giugno 2012

Paolo De Vizzi - CANS Salento e T.S.A.

immersioneprolungata2

 

Anche quest’anno T.S.A. interverrà in diverse manifestazioni diffuse su tutto il territorio nazionale.

Una in particolare - di importanza scientifica - è quella che verrà effettuata da Paolo De Vizzi il 30 giugno 2012, con l’appoggio e la collaborazione del Centro Acquatico Nord Salento – Giuseppe Piccinno e Antonio Turco (Istruttori T.S.A.), che con grande entusiasmo hanno creduto nell’importanza della manifestazione.

Paolo tenterà la prima immersione continuata per 20 ore nel mare di S. Caterina, sotto la guida esperta dell’istruttore Andrea Costantini e di tutto il suo staff.
Paolo si allena con determinazione per  porre “un’altra pietra miliare della subacquea, che spero possa abbattere una volta in più le chiusure mentali che ancora a volte si riscontrano nelle persone disabili, per vivere il mare senza barriere..”, afferma l’atleta salentino.

Un evento da non perdere, al quale parteciperanno anche alte personalità istituzionali come Marcello Risi, sindaco di Nardò e tutte le moto vedette delle forze dell’ordine, i carabinieri, vigili urbani e protezione civile’.

Leggi tutto: Prova di Immersione Prolungata 30 giugno 2012 

gruppo carlo 001Nel magico golfo di Cala Gonone in Sardegna, alcuni amici di diversa "estrazione culturale subacquea" (Bergamo Sub Explorer), ma con una unica grande passione incontrastata e inossidabile per la subacquea che li unisce tutti, (alla fine è la cosa che conta), hanno individuato ad una considerevole profondità , un fenomeno carsico degno di nota ed importanza.

Alberto Fadda (T.S.A.), Sergio Berlendis (T.S.A.), Stefano Murzi (T.S.A.), Carlo Roncoroni (P.T.A.), Ivan Rolli (T.S.A) e Gerry Grande (T.S.A.), coordinati dalla logistica del Diving Centro Sub Dimensione Mare di Fabio Sagheddu, hanno cosଠportato a termine una ricognizione alla profondità  di -107 mt, dove è stata individuata una grotta, che dovrebbe ulteriormente testimoniare che qui, circa cinquantamila anni fa, il livello del Mar Mediterraneo era più basso di ben 100 metri dall'attuale stato.

Già  dalla precedente brevissima perlustrazione effettuata nello scorso agosto, (vedi Bergamo Sub sez. Giornalino) si poteva forse presagire la possibilità  di un sistema nuovo di grotta derivante da una antica fuoriuscita di acqua dolce, ma dopo questo ultimo tuffo, sembra quasi sicuro che il fenomeno carsico sia il responsabile della creazione del tunnel. Infatti, l'acqua piovana resa acida dall'anidride carbonica, viene assorbita dal terreno e a contatto con le rocce calcaree scioglie il carbonato di calcio, dilavandolo, lasciando un buco che con il tempo diventa poi una grotta.

Ed è quello che abbiamo trovato, dopo aver combattuto con violente raffiche di Maestrale qui a Gonone, lo scorso 3 gennaio .

Tutto era oramai pronto: chi si era allenato al lago di Lecco, chi si è tuffato qui per preparare il campo, la logistica, le attrezzature e chi, come le mogli, ha sopportato tutto !!

Mentre il mitico Fabio, trasformato in scrupolosissimo barcaiolo prendendo varie secchiate d'acqua in faccia si ancorava saldamente al pedagno abilmente fissato in precedenza da Alberto e Stefano, il nostro team che era già  stato suddiviso in due parti dall'accurato briefing svolto nella sala del diving, si preparava al tuffo. Due amici programmati all'assistenza profonda e destinati ad accompagnarci vicino ai 90 metri , si immergevano subito con i loro 12+12 caricati con trimix 14/35, le stage da 10 litri di Ean 40 e ossigeno, ed ancora due mono caricati ad aria, pronti per essere adoperati in caso di necessità  o emergenza da parte di tutti. Dotati di buoni reel, ci avrebbero sagolato la parete ed indicato la via per raggiungere più velocemente il punto interessato .

Poco dopo, ci siamo tuffati noi del team di profondità , e solo al settimo minuto, accusando le onde ed una corrente fastidiosa incontrata fino a 20 metri, arrivavamo davanti all'enorme apertura: semplicemente spettacolare, anche perché sotto di noi, il mare era nero e la parete continuava ancora in profondità  !!

Leggi tutto: T.S.A. a Gonone - scoperta la Grotta Cartoe

Traduttore